Archivi tag: costruire

Extreme AFOL: costruire “legalmente” (II parte)

Proseguiamo con la nostra chiacchierata sui modi corretti di usare i mattoncini.
(La prima parte è qui)

Di coni, cilindri ed altri solidi

Uno dei problemi ricorrenti è quello della fessurazione di particolari punti dei mattoncini. A volte è un problema di come viene stampato un pezzo, altre volte è un problema di connessioni errate.

Un cono, un cilindro ed un mattoncino

Un cono, un cilindro ed un mattoncino

Nella foto sopra sono mostrati i nostri tre collaboratori per il prossimo esempio. L’inserimento del cilindro verde sotto il mattoncino arancio non pone alcun problema: la dimensione del cilindro è tale che una volta inserito completamente il bottoncino l’incastro è stabile e non può procedere oltre.

L'incastro con il cilindro non crea alcun problema

L’incastro con il cilindro non crea alcun problema

Se andiamo a inserire invece il cono grigio abbiamo un problema: è vero che la parte superiore del cono è esattamente della dimensione di un bottoncino, ma se insistiamo con la pressione otterremo di inserire più profondamente il cono nella parte inferiore del mattoncino arancio, causandone con un effetto cuneo la fessurazione delle superfici laterali.

Il cono a destra è molto più recente di quello a sinistra

Il cono a destra è molto più recente di quello a sinistra

Per ovviare in parte a questo problema, LEGO ha provveduto a modificare leggermente lo stampo del cono, come mostrato in foto sopra: il cono grigio ha una leggera scanalatura che nelle intenzioni dei progettisti dovrebbe impedire al cono di inserirsi troppo profondamente nel mattoncino superiore e operare come cuneo.

Assi per ruote

Ritorniamo un momento sul problema dei pin sottoposti a sforzi eccessivi.

Un uso "creativo" per gli assi delle ruote

Un uso “creativo” per gli assi delle ruote

L’elemento nero in foto (part #6157) normalmente è utilizzato come asse per le ruote di piccola taglia. Nulla vieta di utilizzarlo in altri modi, tanto che il diametro dell’asse è compatibile con gli elementi a clip che di solito fanno da cerniera (ad esempio part #6019 o #63868).

Il pezzo grigio va bene, quello bianco no

Il pezzo grigio va bene, quello bianco no

Nella foto sopra, l’incastro con il pezzo bianco (part #4081) è da considerarsi errato: il motivo è lo stesso che abbiamo visto per i pin Technic™, ossia che l’asse è composto da un elemento elastico che deve raggiungere la posizione di riposo ad incastro avvenuto. Con il pezzo bianco questo non avviene mai, quindi si ottiene di rovinare irrimediabilmente l’asse.

Non è tutto ABS quello che…

I mattoncini non sono tutti dello stesso materiale. I pezzi trasparenti, per esempio, sono di policarbonato, non di ABS.

I trasparenti sono di policarbonato, i grigi di ABS

I trasparenti sono di policarbonato, i grigi di ABS

Nella foto sopra, i due pezzi trasparenti sono di policarbonato, più resistente dell’ABS, ma con un difetto: tende a sviluppare un attrito elevato quando è a contatto con altri materiali.

Incastri piuttosto solidi, ma utilizzabili

Incastri piuttosto solidi, ma utilizzabili

Incastrando parti in ABS con parti in policarbonato, si nota che la forza necessaria è maggiore che incastrando fra loro ad esempio il cono e il pin grigio in foto.

Qui serve una forza superiore

Qui serve una forza superiore

Nel caso mostrato in foto, le cose si fanno interessanti: la forza necessaria a incastrare i due pezzi è notevole, e separarli è ancor più faticoso, anche perché manca una presa efficace.

Forzalo abbastanza, e si romperà

In qualche caso l’incastro “illegale” lo è al punto da causare danni immediati ai mattoncini.

Quattro pezzetti innocenti

Quattro pezzetti innocenti

I quattro pezzi mostrati in figura possono essere incastrati in vari modi, ma due in particolare sono da evitare.

Questi due sono da evitare

Questi due sono da evitare

Quelli mostrati in foto, apparentemente innocui, sono invece dannosissimi. Quello di sinistra deforma sia la piastra incastrata che i bottoncini fra cui è bloccata. Nel passato sono stati messi in commercio set ufficiali che usavano questa tecnica (set #605, #644, #10021-1), ma è stata completamente abbandonata.

Quello a destra, fra la piccola piastra grigia con clip (part #2555) e la mattonella verde 2×2 è micidiale.

Cose che succedono a chi non rispetta le regole

Cose che succedono a chi non rispetta le regole

Mentre incastravo i due pezzi per fare la foto ho udito distintamente un “crack”. Ecco il risultato, miglior dimostrazione possibile di come il rispettare le pratiche consigliate di costruzione eviti stress a mattoncini ed a noi.

Extreme AFOL: costruire “legalmente” (I parte)

I “mattoncini” LEGO® esistono in moltissime forme differenti, anche se quando si parla di mattoncini il pensiero va immediatamente al classico elemento 2×4, inevitabilmente rosso.

Mattoncini? Eh, sì.

Mattoncini? Eh, sì.

Nella foto sopra si possono vedere alcuni “mattoncini” presenti in un moderno set: forme complesse, superfici curve o angolate, materiali e colori particolari. Se poi aggiungiamo gli elementi Technic™, le cose si fanno interessanti.

Se pochi mattoncini 2×4 possono essere connessi in milioni di modi differenti, figuriamoci quando si aggiungono un migliaio di pezzi di forma varia, tutti in qualche modo “connettibili” fra loro.

Stressare i pezzi (e non solo quelli)

Sebbene molti elementi abbiano più possibilità di connessione, non tutti i metodi ed i modi sono ritenuti “legali”. Ad esempio, i fori sui mattoncini Technic™ hanno apparentemente lo stesso diametro dei bottoncini, ma la connessione è considerata “da evitare”, e difficilmente la troveremo in un set ufficiale.

Naturalmente, le creazioni originali degli appassionati (MOC) non hanno nessun obbligo di rispettare alcuna regola, ma vi sono scuole di pensiero contrastanti in merito. Pensavate fosse tutto facile, eh?

Sfogliando questa discussione su Eurobricks, ho trovato un link ad una presentazione di Jamie Berard (PDF) dell’agosto 2006 che mostra gli incastri ritenuti “illegali” e ne spiega le ragioni, che si possono ridurre ad una sola: evitare di deformare o rovinare gli elementi sottoponendoli ad uno sforzo o ad una pressione per la quale non sono progettati.

Correttamente, più che parlare di tecniche “illegali” di incastro, e quindi di costruzione, possiamo parlare di migliori prassi di costruzione o, per usare una terminologia universale, le best practices di costruzione.

Vediamo qualche esempio.

Non tutti i fori sono uguali

Prendiamo tre piccoli elementi: #4070, #87087 e #6541.

Due mattoncini normali ed uno Technic™

Due mattoncini normali ed uno Technic™

Per quello verde è mostrato fronte e retro per evidenziare il foro quadrato che ha nella parte posteriore.

La non completa compatibilità fra elementi Technic™ e gli altri

La non completa compatibilità fra elementi Technic™ e gli altri

L’incastro a sinistra, per quanto inconsueto, è ritenuto accettabile. Quello a destra è sconsigliato per due motivi:

  • Il bottoncino del pezzo grigio è inserito nel foro del pezzo Technic™ giallo: il foro Technic™ non è sufficientemente “elastico” da permettere un inserimento agevole del bottoncino, e tende a deformarlo. Occorre fra l’altro una forza molto maggiore per unire e separare i due pezzi connessi in questo modo.
  • Il centro del foro Technic™ ed il centro geometrico del bottoncino laterale del pezzo grigio non sono perfettamente allineati: il foro sul mattoncino Technic™ è 0,18 mm più in alto. Pochissimo, certo, ma sufficiente per disallineare in altezza i due elementi, come mostrato dal pezzo rosso aggiunto sotto: sotto il pezzo grigio è evidente la presenza di uno spazio vuoto, a dimostrazione del differente allineamento.

Tutto per un click

I perni Technic™ esistono in varie misure e forme, e per tutti esistono regole per il corretto uso.

Perni e mattoncini Technic™

Perni e mattoncini Technic™

Riprendiamo il mattoncino Technic™ di prima, #6541, e due perni di differente misura: #3673, a lunghezza piena, #32002, che ha un’estremità che è esattamente la metà.
I due perni possono essere inseriti nel foro del mattoncino giallo, ma quello grigio scuro, se inserito dal lato più corto, rimane compresso fra le pareti del foro, senza raggiungere la posizione di riposo.

Il pin grigio scuro non si blocca se inserito dal lato corto

Il pin grigio scuro non si blocca se inserito dal lato corto

Se inserito dal lato corto, il pin non emette il caratteristico “click” che indica il raggiungimento della posizione di riposo.
Il risultato è che l’estremità del pin è costantemente sottoposta a pressione.

Il pin di destra è deformato

Il pin di destra è deformato

Nella foto sopra si vede l’effetto di un incastro in cui il pin non ha raggiunto la posizione di riposo, ossia non ha fatto il “click”. E’ piuttosto evidente che il pin di destra ha le due metà dell’estremità ravvicinate e piegate in punta: questo pin non regge più l’incastro e tende a sfilarsi facilmente dal foro in cui è inserito.

L'unico incastro valido è quello in verde

L’unico incastro valido è quello in verde

Nella foto sopra sono evidenziati in rosso gli incastri che provocano il tipo di deformazione dei pin mostrato subito sopra. L’unico valido è quello con il mezzo pin con bottoncino (part #4274), tutti gli altri portano al deterioramento del pin. Lo stesso succede se l’incastro è fra pin ed i cilindretti nella parte inferiore dei mattoncini, dato che il diametro interno dei cilindretti è addirittura inferiore a quello del foro nel mattoncino 1×1 cilindrico verde mostrato in figura.

Usa la forza, quella che serve

Una regola generale è che gli incastri devono essere gestibili da un bambino di sette anni, quindi non devono essere troppo complicati, né richiedere una forza di unione o separazione superiore al normale incastro fra due mattoncini 2×4.

Incastri al limite

Incastri al limite

Nella foto sopra l’incastro fra il mattoncino giallo e quello azzurro è ammesso, ma sconsigliato. Nel riquadro con il bordo rosso è mostrato il perché: se si intende aggiungere un altro mattoncino sopra quello giallo che sporga a coprire quello azzurro, l’incastro sarà obliquo, anche se di poco, per i famosi 0,18mm di disallineamento di cui parlavamo sopra.

Se poi andiamo ad incastrare un pezzo con più di un bottoncino, come nella parte alta in foto, lo sforzo richiesto per unire e staccare i pezzi è notevole, tale che difficilmente un bambino ci riuscirà. E’ vero che esistono incastri molto difficili da separare (ad esempio due piastre 2×8 sovrapposte), ma ricorrendo ai separatori la divisione non richiede grande sforzo, mentre nella situazione mostrata in foto non c’è possibilità di usarli, non disponendo di una presa efficace.

(Fine della prima parte)

Come lo stacco II: con gli attrezzi giusti

Dopo aver creato un modello, difficilmente si lascia intatto per più di qualche giorno. I mattoncini si riutilizzano, visto che non ne disponiamo in quantità illimitate, quindi occorre riciclare e riutilizzare.

Un buon costruttore tende ad evitare alcuni incastri, proprio in vista dello smontaggio, perché sono un vero inferno al momento di separare i mattoncini. Pur potendo ricorrere a trucchi per avere migliore presa, ci sono degli incastri che proprio non ne vogliono sapere, e capita di non poterne fare a meno.

I separatori di mattoncini (ancora imballati)

I separatori di mattoncini (ancora imballati)

Unica soluzione, i separatori di mattoncini.

I separatori, fronte e retro

I separatori, fronte e retro

Vanno acquistati in coppia, per poter sfruttare appieno la versatilità di questi piccoli gioielli.

L'uso dei separatori: piastra piccola su una grande

L'uso dei separatori: piastra piccola su una grande

Partiamo con una situazione abbastanza frustrante, mostrata nella foto sopra: una piastra piccola fissata su una più grande, con i bordi completamente inaccessibili. Non abbiamo nessun punto di appoggio per fare leva, e la presa è realmente debole, non avendo una superficie sufficiente per la punta delle dita. A meno di andarci con i denti, cosa che escludiamo a priori per non rovinare i pezzi, non c’è modo, a parte provare a torcere la piastra più grande per allentare la più piccola quanto basta per riuscire ad infilare la punta dell’unghia sotto il bordo.

L'uso dei separatori: la posizione corretta

L'uso dei separatori: la posizione corretta

Basta posizionare un separatore su due perni della piastra più piccola e fare leva.

L'uso dei separatori: il distacco è indolore

L'uso dei separatori: il distacco è indolore

Non occorre fare molta forza, è sufficiente muovere la mano e la piastra piccola si stacca praticamente da sola.

Altra situazione difficile, quella di due piastre della stessa misura serrate insieme.

L'uso dei separatori: qui ne servono due

L'uso dei separatori: qui ne servono due

In questo caso occorrono due separatori per operare.

L'uso dei separatori: uno sopra ed uno sotto

L'uso dei separatori: uno sopra ed uno sotto

I separatori hanno sia i perni superiori che i fori inferiori, questi ultimi di misura esattamente pari ai perni, per cui uno si inserisce nella parte inferiore e l’altro va sulla piastra superiore.

L'uso dei separatori: serve solo un po' di pressione

L'uso dei separatori: serve solo un po' di pressione

Una volta posizionati basta un minimo di pressione e le piastre si separano senza alcuno sforzo e senza il minimo danno.

L'uso dei separatori: ecco fatto

L'uso dei separatori: ecco fatto

Al termine dell’operazione le piastre rimangono attaccate una per separatore. Nessun danno, niente sforzi sovrumani per far presa, niente ricorso al dentista.

Il costo è realmente minimo, meno di cinque euro per due separatori, solo che è difficile trovarli. Acquistarli sul sito LEGO® è un po’ antieconomico, visto che le spese di spedizione pesano per più del doppio del costo dei separatori, l’unica possibilità è di inserirli in un ordine più grande o acquistarli tramite un sito amatoriale, tramite Bricklink.