Ancora due parole sulle creazioni

Qualche tempo fa, avevo scritto a proposito delle creazioni meravigliose che si trovano in Rete, e di come queste siano una minaccia alla nostra voglia di costruire, se prese nel verso sbagliato.

'GAHNN' Sniping Dreadnought

Guardando la foto sopra, possiamo capire di cosa parlo: l’astronave è bellissima, con il giusto accostamento di colori e la sua dose di piccoli dettagli “tecnologici”, che non guastano mai (chiamati in inglese greebles, secondo il glossario degli AFOL).

Il costruttore, Pierre E Fieschi, abilissimo nel creare astronavi, ha pubblicato qualche tempo dopo una tabella dove indica quanto tempo e quanti tentativi ha impiegato prima di arrivare al risultato finale.

'GAHNN' Construction Journal

Sei settimane di lavoro, dall’idea abbozzata alla versione definitiva, ed un paio di ordini di pezzi da BrickLink.

Pur considerando che è un veterano nella costruzione di astronavi, non è un tempo proprio brevissimo. Inoltre, da alcuni dettagli dell’astronave, è abbastanza evidente che possieda una collezione notevole di pezzi. E’ la perfetta dimostrazione di come creazioni notevoli richiedano uno sforzo notevole, non solo ispirazione e buona volontà.

Come diceva Thomas Alva Edison:

Il genio è per l’1% ispirazione e per il 99% traspirazione

Una risposta a “Ancora due parole sulle creazioni

  1. Pingback: Extreme AFOL: non ditelo ad un purista! | Vita da A.F.O.L.